vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Viù appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Ponti Storici

Nome Descrizione
Indirizzo Fraz. Toglie, Loc. Mulini Ninìn, Fraz. Richiaglio
Sono uno degli elementi architettonici più caratteristici del territorio, ad una sola campata, con caratteristiche strutturali molto simili agli antichi ponti romani. Le numerose piene dei torrenti che affluiscono nella Stura di Viù ne hanno spesso la ricostruzione, avvenuta tuttavia nel rispetto dell'architettura originaria. Tra i più interessanti: quello dei Mulini Ninìn, quello delle Fucine, quello sulla vecchia mulattiera per la fraz. Venera, quello della Torretta, non lontano dalla fraz. Richiaglio, quello dei Mulini di Cramoletti.

Ponte delle toglie o del dazio

Costruito sul torrente Stura nel Settecento per collegare la frazione Toglie, è in muratura a due archi. Quando nel 1838-42 fu realizzata la strada carrozzabile da Germagnano a Viù, poco oltre il ponte venne costruito l’edificio dove si riscuoteva il dazio per il transito verso Viù.

Ponte dei Mulini

Il ponte sulla Stura – parzialmente distrutto dall’alluvione del 2000, poi restaurato – collega Viù capoluogo con la zona dei Mulin Ninìn, dove si trovano i ruderi di due mulini per cereali, edifici per la torchiatura delle noci e della canapa e un laboratorio da tornitore.

Ponte della “Torretta”

Costruito nel Settecento, in pietra e a schiena d’asino, sul Rio Richiaglio (da Rì Ciair = Rio Chiaro). Nelle vicinanze si trova il masso erratico detto “la Torretta”, usato come palestra di roccia.