viu1
viu2
viu3
viu4
Sei qui: Home Turismo, cultura e sport Da visitare EMERGENZE ARTISTICHE E PAESAGGISTICHE NELLE FRAZIONI

EMERGENZE ARTISTICHE E PAESAGGISTICHE NELLE FRAZIONI

PDF  Stampa  E-mail 
  • Fraz. Pessinea: le fontane e il santuario della Consolata
  • Fraz. Bertesseno: il concentrico della frazione e il Centro Permanente di Cultura dei Valori Civili, sede della rassegna teatrale estiva;
  • Colle del Lys: il vallone di Lunella, il rifugio della Portia.
  • Loc. Cima Balma  e Pianàs, raggiungibili a piedi dalla fraz. Balma, area di straordinario fascino naturalistico e paesaggistico
  • Vallone dei Tornetti: incantevole scenario paesaggistico, punto di partenza per molte escursioni. Caratteristica del Vallone dei Tornetti è la presenza di alcuni massi, utilizzati come palestra di roccia all'aperto. Il più caratteristico di tutti è il Roc Sapai, immoltalato, tra l'altro, in un celebre quadro di Francesco Gonin, che raffigura, sotto un cielo tempestoso, l'enorme masso adagiato e sporgente nella valle presso i Tornetti.
  • Lago di Viana: è un laghetto alpino, di piccole dimensioni, caratterizzato da un isolotto centrale. E' raggiungibile dal sentiero che parte in località Alpe Bianca, sopra i Tornetti, da dove sono necessarie circa tre ore di cammino a piedi. Il sentiero tocca dapprima il lago dei Vailèt, più minuscolo, per poi raggiungere il Lago di Viana, incassato in una conca di straordinaria bellezza. Dal Lago di Viana si possono raggiungere altri laghetti alpini, alcuni dei quali posti già sul territorio del Comune di Lemie e Ala di Stura.
  • Fraz. Asciutti: posta su un pianoro che si affaccia sul vallone dei Tornetti è adagiata ai piedi della dorsale dei Roc Moross; dagli Asciutti parte la strada che raggiunge il Colle della Djeta, da cui si scollina su Mezzenile: a circa un quarto d'ora da Asciutti si trova il laghetto di Pian Motte, una polla d'acqua solitamente visibile solo in primavera, nella quale, nelle giornate limpide si specchia il monte più alto del vallone dei Tornetti Montù. In passato era frequentata da coloro che, in primavera andavano a caccia di rane.
  • San Vito: la località, posta sulla deviazione della strada per la fraz. Crotti, prende il nome dall’omonima cappella, un’interessante costruzione dotata di ampio portico su cui si affaccia una cappella di epoca settecentesca, con facciata arricchita da un gradevole affresco.
< Prec.
Ultimo aggiornamento ( Domenica 16 Gennaio 2011 21:45 )
 

INFORMATIVA: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori infomazioni sui cookie utilizzati in questo sito guarda la nostra privacy policy.

Accetto l’utilizzo dei cookie su questo sito.

EU Cookie Directive